Fake News

Fake news

Fake News

Le Fake News , dette anche Bufale sono un problema molto serio, contribuiscono alla diffusione di informazioni false in settori importanti come la salute, la vita sociale, le istituzioni etc. wtc.

Sono notizie che sposso ci coinvolgono emotivamente e per questo hanno una diffusione ampia e veloce e possono influenzare la nostra vita, le nostre scelte ed i nostri comportamenti.

Le Fake News sono un fenomeno nato con i social?

Assolutamente no, se è vero che di fake news si parla in senso stretto soltanto dal 2016,  bisogna constatare che di bufale è piena la storia.

Nel XIII secolo a.C. Ramsete II diffonde la falsa notizia di aver ottenuto una gloriosa vittoria a Kadesh.
Ramsete II venne ritratto vittorioso in molti dei templi a lui dedicati, in realtà, la battaglia terminò con un trattato di pace tra Egizi e Ittiti dopo un periodo di stallo.

Le bufale, non sono sempre solo notizie scherzose, spesso hanno dei secondi fini e delle vittime.

La bufala di Benjamin Franklin

fake news franklinQuesto è un classico esempio di una notizia falsa nata con uno scopo ben preciso e che ha causato molti problemi alle vittime della bufala.

Nel 1782 Benjamin Franklin ambasciatore in Francia, stampa una falsa edizione dell’Independent Chronicle

La notizia annuncia il ritrovamento di un carico di 700 scalpi, inviati dai nativi americani alla Corona inglese, come segno di fedeltà.

L’obiettivo di Franklin, è ottenere risarcimenti dal Regno Unito e, mostrando la crudeltà degli indiani d’America, inculcare nel pubblico britannico le ragioni dell’indipendenza.

La notizia non suscita reazioni a Londra, ma viene invece ristampata dozzine di volte negli Stati Uniti, finendo per unire ulteriormente le ex-colonie contro la minaccia dei “selvaggi pellerossa". La bufala sarà riconosciuta come tale solo nel 1854.

Perché le bufale sono così diffuse

Utilizzano uno strumento di diffusione efficace

Tornando all'attualità il canale di diffusione oggi più comune per le fake news sono i social media.

Quella che avviene é una trasmissione da persona a persona, sfrutta il fatto che sui social media siamo amici di persone che ci piacciono e di cui ci fidiamo per cui siamo più inclini a fidarci e a credere alle informazioni da loro diffuse.

Quindi le fake news sfruttano la fiducia che abbiamo nei nostri amici e familiari per incoraggiarci a credere alla notizia e diffonderla a nostra volta.

Rafforzano le nostre idee preconcette

Gli algoritmi dei social network, tendono a mostrarci argomenti che riteniamo interessanti, inoltre quando siamo su un social passiamo la maggior parte del nostro tempo a interagire con persone con cui andiamo d'accordo, ci troviamo quindi in una bolla mediatica in cui troviamo notizie che supportano le nostre opinioni e convinzioni.

In questa bolla quando un utente legge una fake news, probabilmente troverà rafforzate le sue nozioni preconcette e non sottoporrà la notizia allo stesso controllo di una che contrasta con ciò in cui si crede.

L'utente quindi accetterà la notizia come un dato di fatto e la condividerà anche con gli altri affinché il processo ricominci da capo.

Sono ricche di prove

In ambito accademico gli studi che non riescono a dimostrare la loro ipotesi, spesso incontrano delle difficoltà nell'essere pubblicati pur se veri ed inconfutabili.

Le fake news non mancano mai di fornire le prove delle loro affermazioni, anche se tali prove sono inventate, ciò le rende più interessanti e convincenti.

Semplicità e interesse

Molte notizie importanti sono spesso noiose o complesse da analizzare, argomenti come i documenti del parlamento europeo, i dibattiti sulla politica economica e fiscale possono avere un impatto importante sulla nostra vita, ma sono molto noiosi leggere e di difficile comprensione.

Le fake news sono quasi sempre sensazionali, di semplice comprensione a volte ci offrono una visione distorta o parziale,  più facilmente fruibile, delle notizie noiose di cui abbiamo parlato prima.

Cosa fare per combattere le fake news

Verifica l'attendibilità della notizia

La prima cosa che possiamo fare è utilizzare i siti di fact checking esistenti e vedere se si sono già occupati della notizia che abbiamo letto.

Tra i più noti possiamo ricordare https://www.bufale.net/ oppure Bufale Un Tanto Al Chilo

Verifica le fonti

Un primo passaggio utile è verificare la fonte della notizia, ovvero il nome del sito che la sta pubblicando e capire se abbiamo a che fare con un sito che non è ritenuto attendibile a prescindere dalla notizia in sé.

La notizia è diffusa anche da altre fonti?

Per un ulteriore controllo, verificate se quella notizia è riportata anche da altri siti/giornali accreditati e credibili.

Se una esiste una notizia "bomba" è molto improbabile che le più note agenzie di stampa, le testate giornalistiche e televisive non la riportino.

Per questo, è utile verificare se quella notizia è riportata anche da altre testate per capire se è attendibile o meno.

Che altre notizie sono riportate nel sito?

Un sistema per verificare l'attendibilità di una sito è controllare le altre notizie proposte, se troviamo altre bufale o solo notizie sensazionalistiche è altamente probabile che ci troviamo in un sito di bufale.

Verifica la notizia stessa

Leggi completamente il testo

Prima di condividere una notizia leggi completamente il contenuto dell'articolo.

Controlla la data di pubblicazione

Spesso le fake news vengono riciclate e riproposte, verificare la data di una notizia è un altro sistema utile per evitare di condividere una bufala.

Controlla i dati

Quando in una notizia riporta dati o statistiche provate a verificarli, ad esempio utilizzando il sito dell'Istat (Istituto Nazionale di Statistica).

Spesso le statistiche di queste notizie sono gonfiate, se non inventate di sana pianta, oppure i conti riportati sono improbabili e non tornano, se i dati e i numeri non sono veri, molto probabilmente non lo è neppure la notizia.

Cerca la notizia su Google

Una operazione semplicissima da fare è quella di utilizzare i motori di ricerca per effettuare un Fact Checking autonomo.

Provate a cercare la notizia su un motore di ricerca e analizzate i risultati, potreste verificare se una notizia è stata riciclata, verificare se compare con gli stessi dati su altre testate e di verificare se ci sono delle informazioni volutamente tralasciate oppure omesse per alterarne il senso oppure potete trovare articoli di fonti attendibili che smentiscono la notizia.

Chiediti perché è stata pubblicata

Molti siti di bufale hanno lo scopo di avere visibilità, click e condivisioni se l’impostazione generale del sito è di questo tipo molto probabilmente  si tratti di un sito di fake news.

Il titolo e testo della notizia sono congrui?

La pratica di creare un titolo sensazionalistico, che lascia presagire contenuti diversi da quelli reali e che poi non trova una corrispondenza (nel migliore dei casi la corrispondenza è solo parziale) nel testo dell'articolo è non è utilizzata non solo con le fake news ma è sempre un indizio di scarsa serietà della fonte.

Verifica i contenuti grafici dell'articolo

Le immagini sono pertinenti con il contenuto dell'articolo? Potremmo trovarci di fronte ad un foto montaggio?

Provate cliccare con il tasto destro del mouse sull’immagine e verificatene le proprietà oppure cercate l'immagine sui motori di ricerca, se l’immagine è di una vecchia notizia o presa da qualche archivio di immagini, è molto probabile che la notizia sia stata creata ad arte e quindi sia una fake news.

Contestualizza il contenuto

Come detto in precedenza non tutte le fake news son inventate di sana pianta, alcune riportano una versione parziale o distorta di notizie reali estrapolando parti di testo o decontestualizzandolo.

Per verificare che questo non sia accaduto, cercate la notizia originale per contestualizzarne i contenuti e verificare se sono stati riportati in maniera corretta.

Attenzione alle fonti ed agli esperti

Una notizia vera normalmente non ha problemi a citare le proprie fonti.

Spesso negli articoli sono citati specialisti del settore verificate se esistono veramente e se sono titolati a parlare di quell'argomento.

Se non avete competenze dirette provate a chiedere un parere a qualche esperto di vostra conoscenza.

Perché le notizie false sono pericolose?

Notizie prive di fondamento su temi riguardanti la salute oppure l'alimentazione potrebbero indurre comportamenti sbagliati e dannosi per la salute delle persone.

Alcune notizie sono utilizzate ad arte per screditare le vittime.

Proprio in giorni ha tenuto banco la diffusione di notizie false riguardanti il comandante della nave incagliata nel canale di Suez.

In conclusione

Prima di condividere una notizia, controllane la veridicità!

Verificate sempre le notizie che leggete.

Posted in Uncategorized.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *